Buddhismo Italia Forum

Free Tibet ?!?! Free violence !!!

« Older   Newer »
 
.
  1.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    Support Tibetan Solidarity Day & Shout It Loud To Your Representative

    badge

    In 1913 Chinese forces were expelled from Tibet, the 13th Dalai Lama issued a proclamation reaffirming Tibet as an independent nation, a century later and many Tibetans find themselves exiled, while inside occupied Tibet China’s violent and illegal occupation of that land continues. So too does the resistance and we are asking folks to support Tibet’s true cause by reminding the political establishment of Tibet’s independence, which remains under international law intact and recognized.
    Add your support to Tibetan Independence Day with few simple, yet important, online actions. We ask that you kindly email a link providing facts on the independent status of Tibet to your Senator, Member of European Parliament or if in Britain to your Member of Parliament.

    USA

    1.Email/contact information for your representative can be found here
    www.contactingthecongress.org/

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    European Union

    1.Email/contact information for your representative can be found here: www.europarl.europa.eu/meps/en/search.html

    Click on the map to find MEPs for your country then select name to show email address on the right of the page

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    Australia

    1.Email/contact information for your representative can be found here: www.aph.gov.au/Senators_and_Members...and_Members/los

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    Switzerland

    1.Email/contact information for your representative can be found here: www.parlament.ch/Poly/Adressen_RM/raete.pdf

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    Brazil

    1.Email/contact information for your representative can be found here: www.senado.gov.br/senadores/

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    Britain

    1.Email/contact information for your representative can be found here: www.writetothem.com/

    2. Then email her/him the following link: http://tibettruth.files.wordpress.com/2009...0903_print3.pdf

    3. Inform them that February 13 is Tibetan Independence Day and that enclosed is a link providing details of Tibet’s independence.

    Grateful thanks to Rangzen Alliance for the information.



    China’s Tibetan Attack Dog Get’s New Collar
    theguv
    29/01/2013
    China’s regime announced today the appointment of Mr. Losang Gyaltsen aged fifty five, as it’s latest colonialist governor tasked with heading ongoing oppression of Tibetans, in the so-called Tibet Autonomous (sic) Region. Which western media wrongly describe as ‘Tibet’, in truth it comprises around a third only of historic, geographical and cultural Tibet. His promotion and job description is straight out of the collaborator’s handbook and like Norway’s infamous traitor, Vidkun Quisling who loyally served Nazi Germany this Tibetan deserves the condemnation and contempt of all who value human rights, justice and national freedom.






    www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F...B3P&h=fAQF9b4uD



    TIBETAN DECLARATION OF INDEPENDENCE
    Proclamation Issued by His Holiness the 13th Dalai Lama in 1913

    PROCLAMATION ISSUED BY H.H. THE DALAI LAMA XIII, ON THE EIGHTH DAY OF THE FIRST MONTH OF THE WATER-OX YEAR (1913)

    Translation of the Tibetan Text

    I, the Dalai Lama, most omniscient possessor of the Buddhist faith, whose title was conferred by the Lord Buddha’s command from the glorious land of India, speak to you as follows:

    I am speaking to all classes of Tibetan people. Lord Buddha, from the glorious country of India, prophesied that the reincarnations of Avalokitesvara, through successive rulers from the early religious kings to the present day, would look after the welfare of Tibet.

    During the time of Genghis Khan and Altan Khan of the Mongols, the Ming dynasty of the Chinese, and the Ch’ing Dynasty of the Manchus, Tibet and China cooperated on the basis of benefactor and priest relationship. A few years ago, the Chinese authorities in Szechuan and Yunnan endeavored to colonize our territory. They brought large numbers of troops into central Tibet on the pretext of policing the trade marts. I, therefore, left Lhasa with my ministers for the Indo-Tibetan border, hoping to clarify to the Manchu emperor by wire that the existing relationship between Tibet and China had been that of patron and priest and had not been based on the subordination of one to the other. There was no other choice for me but to cross the border, because Chinese troops were following with the intention of taking me alive or dead.

    On my arrival in India, I dispatched several telegrams to the Emperor; but his reply to my demands was delayed by corrupt officials at Peking. Meanwhile, the Manchu empire collapsed. The Tibetans were encouraged to expel the Chinese from central Tibet. I, too, returned safely to my rightful and sacred country, and I am now in the course of driving out the remnants of Chinese troops from DoKham in Eastern Tibet. Now, the Chinese intention of colonizing Tibet under the patron-priest relationship has faded like a rainbow in the sky. Having once again achieved for ourselves a period of happiness and peace, I have now allotted to all of you the following duties to be carried out without negligence:

    1. Peace and happiness in this world can only be maintained by preserving the faith of Buddhism. It is, therefore, essential to preserve all Buddhist institutions in Tibet, such as the Jokhang temple and Ramoche in Lhasa, Samye, and Traduk in southern Tibet, and the three great monasteries, etc.

    2. The various Buddhist sects in Tibet should be kept in a distinct and pure form. Buddhism should be taught, learned, and meditated upon properly. Except for special persons, the administrators of monasteries are forbidden to trade, loan money, deal in any kind of livestock, and/or subjugate another’s subjects.

    3. The Tibetan government’s civil and military officials, when collecting taxes or dealing with their subject citizens, should carry out their duties with fair and honest judgment so as to benefit the government without hurting the interests of the subject citizens. Some of the central government officials posted at Ngari Korsum in western Tibet, and Do Kham in eastern Tibet, are coercing their subject citizens to purchase commercial goods at high prices and have imposed transportation rights exceeding the limit permitted by the government. Houses, properties and lands belonging to subject citizens have been confiscated on the pretext of minor breaches of the law. Furthermore, the amputation of citizens’ limbs has been carried out as a form of punishment. Henceforth, such severe punishments are forbidden.

    4. Tibet is a country with rich natural resources; but it is not scientifically advanced like other lands. We are a small, religious, and independent nation. To keep up with the rest of the world, we must defend our country. In view of past invasions by foreigners, our people may have to face certain difficulties, which they must disregard. To safeguard and maintain the independence of our country, one and all should voluntarily work hard. Our subject citizens residing near the borders should be alert and keep the government informed by special messenger of any suspicious developments. Our subjects must not create major clashes between two nations because of minor incidents.

    5. Tibet, although thinly populated, is an extensive country. Some local officials and landholders are jealously obstructing other people from developing vacant lands, even though they are not doing so themselves. People with such intentions are enemies of the State and our progress. From now on, no one is allowed to obstruct anyone else from cultivating whatever vacant lands are available. Land taxes will not be collected until three years have passed; after that the land cultivator will have to pay taxes to the government and to the landlord every year, proportionate to the rent. The land will belong to the cultivator.

    Your duties to the government and to the people will have been achieved when you have executed all that I have said here. This letter must be posted and proclaimed in every district of Tibet, and a copy kept in the records of the offices in every district.

    From the Potala Palace.

    (Seal of the Dalai Lama)

    Source: W.D. Shakabpa, ‘Tibet: A Political History’
     
    Top
    .
  2.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    Tibetano condannato a morte per aver “istigato” immolazioni
    Un tibetano di 40 anni, Lorang Konchok, e’ stato condannato a morte da un tribunale cinese dopo essere stato ritenuto responsabile dell’immolazione di otto persone, una delle quali e’ morta. La sentenza e’ stata ‘sospesa’ per due anni, con una formula che di solito prelude alla commutazione in ergastolo della condanna alla pena capitale. Lo ha annunciato l’ agenzia Nuova Cina, aggiungendo che l’ uomo e’ stato giudicato colpevole di ”omicidio volontario” per aver ”istigato” le otto persone ad immolarsi. Un altro tibetano, Lorang Tsering di 31 anni, e’ stato condannato a 10 anni di prigione per la stessa ragione. Secondo la Campagna Internazionale per il TIbet (www.savetibet.org), fino ad oggi 99 tibetani si sono immolati in un’estrema forma di protesta contro quella che ritengono l’occupazione cinese del loro territorio. Di questi, 81 sono morti. Prima di compiere il drammatico gesto, i suicidi lanciano slogan contro la Cina e a favore del Dalai Lama, il loro leader spirituale esiliato da oltre 50 anni. Dal 2008 le forze di sicurezza cinesi hanno rafforzato la loro presenza in tutte le aree a popolazione tibetana della Cina, che sono chiuse di fatto agli osservatori esterni. Le condanne sono state inflitte ai due tibetani dal tribunale di Aba (Ngaba in tibetano) nella provincia del Sichuan, una regione nella quale si sono verificate 35 immolazioni.
    fonte: ANSA


    1 febbraio 2013 · 16:38
    Altri sei tibetani condannati per incitamento alle immolazioni
    Continua la repressione cinese nei confronti dei tibetani anche nel tentativo di frenare le immolazioni. Altri sei tibetani, oltre ai due condannati ieri, sono stati condannati a pene detentive tra i tre e i 12 anni per aver incitato alcune persone ad immolarsi. La decisione, riferisce l’agenzia Nuova Cina, e’ stata presa da un tribunale della provincia nord occidentale del Gansu. La condanna degli uomini sarebbe legata in particolare all’immolazione di Togye Rinchen, avvenuta lo scorso 23 ottobre. Secondo la ricostruzione fatta dalla polizia ed accolta dai giudici, quattro di loro – Padma Tamdru, Kelsang Gyamuktso, Padma Co e Lhamo Tamdru – avevano attaccato i poliziotti per impedire loro di avvicinarsi al corpo dell’immolato. Altri due tibetani – Do Gekyap e Yang Monje – avevano creato disordini sul posto, bloccando il traffico nella zona. Ieri due tibetani sono stati condannati – uno a morte con sospensione della pena e uno a 10 anni di carcere – per aver incitato e spinto otto persone ad immolarsi.


    Tibet : Tibetan died after police crackdown
    Redazione - Mar, 05/02/2013 - 10:07

    A Tibetan man died a slow and agonising death, almost nine months after he was injured in a violent police crackdown on a protest staged by Tibetans in March last year.According to information received by TCHRD, Gyerig Thar, 35, succumbed to his injuries on 17 November 2012 at a hospital in Siling.After sustaining serious injuries during the police clampdown on the protest, Geyrig Thar spent the next nine months in the hospital unable to utter a single word.He was referred to some other bigger hospitals where he had to undergo three surgeries on his brain, but hopes for his survival remained weak among his family members even as he was receiving treatment.Sources say he was too weak to consume or retain his food or medicine in his body.
    Gyerig Thar participated in a peaceful protest march of over a thousand Tibetans on 18 March 2012 in Ba Dzong or Gepasumdo County. The protest was triggered by the arbitrary arrest of 50 monks from Shingtri Monastery (also called Ba Shangtre) in Ba Dzong.
    On 15 March 2012, monks from Shingtri Monastery carried out a peaceful protest, calling for the “return of His Holiness the Dalai Lama,” “freedom” and “equal respect for the Tibetan language.” The monks carried banned Tibetan flags and walked towards the local government office even as more local Tibetans joined the protest. At the end of the protest, Chinese police arrested over 50 monks.
    Gyerig Thar joined the protest three days later to call on the Chinese authorities to release the detained monks. Protesters gathered in front of local government office and called on the officers to release the monks. Tibetans waited outside the office until afternoon after officers assured them of early release for the monks. When the monks were not released in the afternoon, Tibetans began to protest again. Just then, a group of security forces including armed police rushed in to stop the protest. Sources said local police used excessive force including tear gas shells and explosives to quell the protest. Other sources last year also reported that police used grenades to control the unarmed Tibetan protesters. Sources said many Tibetans were injured in the melee particularly a Tibetan boy of 12 who died of injuries. The injured were later hospitalised under strict surveillance.
    Gyerig Thar was born in Gon-gongma Tagkor Village in Ba Dzong in Tsolho Prefecture. He is survived by his 10 family members including father, Gonpo, mother, Tsering Tso, sons Chagthar Gyal, 13, and Taglha Tsering, 10.

    HUMAN RIGHTS WATCH DENUNCIA LA REPRESSIONE IN TIBET. SEI TIBETANI CONDANNATI PER “OMICIDIO INTENZIONALE”
    6 febbraio 2013. Nel suo rapporto annuale, l’organizzazione a difesa dei diritti umani Human Rights Watch (HRW) ha severamente criticato le misure repressive attuate in Tibet dal governo cinese (nella foto, gli studenti del Tibetan Children’s Village di Dharamsala in un momento della rappresentazione della violenza cinese in Tibet). Recita il rapporto: “A causa dell’introduzione, in tutto il paese, della normativa in base alla quale tutti i monasteri devono essere controllati direttamente dai funzionari governativi che stazionano permanentemente al loro interno, la situazione in tutto il paese è estremamente tesa”.
    E così prosegue: “L’80% della popolazione rurale dell’altopiano è stata forzatamente trasferita, senza previa consultazione e senza adeguata compensazione”. “Lo standard di vita dei pastori, allontanati dalle loro tradizionali occupazioni, è in rapido declino e la loro sopravvivenza dipende sempre più dai sussidi governativi”. Il rapporto denuncia la massiccia presenza delle forze di sicurezza che impediscono ai giornalisti e ai visitatori stranieri il libero accesso alle aree tibetane e sottolinea inoltre la totale mancanza di libertà di espressione, associazione e pratica della religione del popolo tibetano nonché la sua impossibilità di intervenire nella scelta dei propri leader politici. “Il Partito controlla ogni aspetto della vita sociale e delle istituzioni, compreso il sistema giudiziale, e i tibetani sospettati di avanzare critiche nei confronti delle direttive politiche, religiose, culturali o economiche del governo sono sistematicamente perseguiti e accusati di separatismo”.
    Il 31 gennaio 2013, lo stesso giorno in cui la corte di Ngaba ha decretato la condanna a morte di Lobsang Konchok e inflitto dieci anni di carcere al nipote Lorang Tsering, il tribunale del popolo della contea di Sangchu ha condannato a pene detentive di lunghezza compresa tra i tre e i dodici anni sei tibetani (nella foto) accusati di “omicidio intenzionale” per aver cercato di impedire che la polizia cinese si impossessasse dei resti di Dorjee Rinchen, il contadino cinquantasettenne immolatosi il 23 ottobre scorso. I condannati sono Pema Dhondup (12 anni di carcere), Kalsang Gyatso (11 anni), Pema Tso (una donna, 8 anni), Lhamo Dhondup (7 anni), Digkar Gyal (4 anni) e Yangmo Kyi (un’altra donna, 3 anni).
    L’accusa di “omicidio intenzionale” è configurata nelle nuove disposizioni emanate dalle autorità cinesi nei confronti di quanti sono sospettati di avere svolto un ruolo nei casi di auto immolazione. Nel testo ad esse relativo, reso pubblico il 3 dicembre 2012, si afferma: “Chiunque ostacoli i funzionari di pubblica sicurezza, il personale medico o gli addetti al recupero degli immolati sarà perseguibile per omicidio volontario in accordo con la legge cinese sul crimine”.
    Nonostante le critiche rivolte alla Cina per le otto condanne recentemente formulate, proseguono in Tibet gli arresti di persone coinvolte nei casi di auto immolazione. E’ del 4 febbraio la notizia della detenzione di Yarphel, 42 anni, zio di Dorjee Lundhup, l’agricoltore venticinquenne tibetano immolatosi il 4 novembre 2013. Yarphel è accusato di “attività illegali” per aver portato in processione un ritratto del Dalai Lama durante i funerali del nipote.
    Ieri, 5 febbraio, è giunta la notizia della morte, in un ospedale di Siling, il 17 novembre 2012, di Gyalrig Thar, un tibetano di 35 anni gravemente ferito alla testa il 18 marzo scorso durante una manifestazione di protesta nella regione di Ba Dzong. I dimostranti, oltre un migliaio, chiedevano la liberazione di oltre cinquanta monaci del monastero di Shingtri, arrestati tre giorni prima. Operato alla testa per tre volte nonostante le scarsissime possibilità di sopravvivenza, Gyalrig Thar non si è mai ripreso, incapace persino di pronunciare una parola o di assumere cibo e medicine.
    Fonti: The Tibet Post – Phayul - ITN


    Mass arrest of Tibetans in connection with self-immolations
    Phayul[Friday, February 08, 2013 10:59]

    DHARAMSHALA, February 8: In a first of its kind mass arrest in connection with the ongoing wave of self-immolation protests in Tibet, Chinese authorities have arrested 70 Tibetans in eastern Tibet.
    Chinese state media Xinhua on Thursday cited police in the Malho region as saying that the “criminal suspects” were captured in connection with a “string of self-immolations that have occurred since November 2012.”
    As many as 99 Tibetans have set themselves on fire since 2009 protesting Chinese rule and demanding freedom and the return of His Holiness the Dalai Lama from exile.
    The report cited a senior police official as saying that more efforts will be exerted to “thoroughly investigate the cases and seriously punish those who incite innocent people to commit self-immolation.”
    Lyu Benqian, who heads a special police team investigating the self-immolations also blamed “the Dalai Lama clique” for “masterminding and inciting” the protests.
    “Personal information, such as photos of the victims, were sent overseas to promote the self-immolations,” the report cited him as saying.
    "Some of the victims were frustrated and pessimistic in life, and they wanted to earn respect by self-immolation," Lyu added.
    The report also carried stories of several individual self-immolators, claiming that their personal problems were the reason for their protests.
    Among those arrested, the report cited one Phagpa, a young Tibetan in Dowa, Rebkong region, who was arrested for attending the funerals of six self-immolators, offering donations to their family members and working to spread ideas related to separatism and "Tibetan independence."
    Last month, Chinese courts sentenced a Tibetan Lobsang Kunchok to death with a two-year reprieve and Lobsang Tsering to 10 years on charges of “intentional homicide.” The same day, another court sentenced six Tibetans to varying jail terms of 12 to three years in jail on similar charges.
    Following the sentencing, New York based global rights group, Human Rights Watch, said Chinese authorities should “immediately release” Kunchok and Tsering, while noting that their conviction “relied solely on confessions they gave during five months in detention.”
    “These prosecutions are utterly without credibility,” said Sophie Richardson, China director. “The Chinese government seems to think it can stop self-immolation by punishing anyone who talks about it. But in pursuing these ‘incitement’ cases, the government compounds the tragedy of these suicide protests.”


    HRW noted that it has documented “endemic use of torture, cruel, inhuman or degrading treatment, and coercion of Tibetans in detention.”
    “Self-immolations take place in the context of the Chinese government’s long-standing repressive policies in the Tibetan areas that have seen severe restrictions on Tibetans’ rights,” HRW said.
    The Dharamshala based Central Tibetan Administration also condemned the harsh sentences, blaming the Chinese leadership as “solely responsible for the growing unrest and deteriorating situation in Tibet.”
    “The series of rushed sentences clearly show that Tibetans in Tibet are denied basic human rights,” the exile Tibetan administration said. “It is also evident that these are done in utter disregard to the Tibetan aspiration and deep anguish at the continuing self-immolations in Tibet.”
     
    Top
    .
  3.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    Decree of the XIIIth Dalai Lama (February 13, 1913)

    I, King of the Victorious Ones, Lord of the Three Worlds, Possessor of the Buddhist Faith of the Three Times and Space, Omniscient Vajra-Holder called the Dalai Lama, the Ocean-Like Teacher, prophesized by Lord Buddha from the Noble Land of India, proclaim here this announcement to high, low and middle clergy and lay people, as well as to high civilian and military officials in this great medicinal land surrounded by mighty snow mountains.As prophesized by our compassionate teacher, Lord Buddha from the Noble Land of India, successive reincarnations of Avalokiteshvara from the times of the three religious kings to the present day took over the reign of this medicinal land and protected all sentient beings in it through appropriate and skillful means with supreme compassion.
    In continuity with the previous times of the Mongols, such as Chinggis Khan and Altan Khan, and through Chinese Ming Emperors, a Preceptor-Patron relationship was formed with the Manchu Emperors from the time of the Great Fifth Dalai Lama, and although we have lived since then in mutual support of each other, nevertheless in recent times, Chinese authorities in Sichuan and Yunnan have not only caused unimaginable tyranny and oppression in their desire to seize our territory, but also a large number of Chinese troops have arrived as far as the Holy City of Lhasa on the pretext of safeguarding trade markets as per treaty stipulation. Thereupon, I and my ministers left to the border intending to clarify via wire with Beijing that the existing relationship between Tibet and China had been that of preceptor-patron and not subordination of one to the other. Since my departure, one after another armed Chinese troops were sent to capture me dead or alive, and so I had no choice but temporarily to cross the border.
    Upon my arrival in India, we sent several telegrams to the Chinese side clarifying the matter; but due to some leading corrupt ministers, no responses were received. Meanwhile, because of infallible karma, the Manchu rule collapsed and Tibetans of all social strata continued their fight against Chinese troops and expelled them from Central Tibet. Thereupon, I have returned safely to my rightful and sacred land, and we shall drive out the remaining Chinese troops from Kham. The Chinese evil scheme to enslave Tibet under the pretext of a Preceptor-Patron relationship instantly fell apart like sand clumps, fading in a moment like a rainbow in the sky. As a golden age has been ushered in and sentient beings can now enjoy religious and material prosperity once more, clergy and lay people of all social strata should implement the following points:
    1. As the survival of Buddha´s teaching – the source of peace and happiness in this world – depends upon offerings and veneration, holy places like the Tsuglagkhang and the Chinese style Ramoche Temples in Lhasa, as well as the Tradruk Temple and Samye Monastery and monastic communities of all schools, including Sera, Drepung and Ganden Monasteries, should untiringly uphold their unique rituals and practices.
    2. The abbots, preceptors and monks of the different schools should safeguard and develop their own sacred traditions of sutra, as well as old and new tantra; be diligent in liturgical practices, exposition and listening to teachings, as well as in study, contemplation and meditation; and observe as best as possible the monastic precepts.
    3. High officials should all be fair and just in collecting taxes or administering duties so as to benefit both the government and the people. In the far flung areas of Western and Eastern Tibet, some thoughtless officials have compelled people to buy goods at exorbitant prices or imposed taxes of horses, pack animals and men far exceeding the set limits and, thereby, causing intolerable hardships to them. Lands and properties were confiscated just on the pretext of minor breaches of law and amputation of limbs was carried out. They are not only wrong from a karmic point of view, but bad for the reputation and honor of both people and country. Such acts should be banned even in name.
    4. Though not prosperous and technically advanced like other countries, Tibet is an independent nation living in peace and in accordance with religion. To become capable of defending our country, we are currently increasing our efforts both in civilian and military areas. Temporarily, all will be required to shoulder greater military tax, and along the communication routes in Kham, people are bound to face additional burdens.
    Since China often seized illegally Tibetan territory in the past, everyone should voluntarily increase efforts to protect and safeguard our territory. People in the border areas of Kham and Amdo, as well as in the south and the west, should remain vigilant and inform Lhasa of any suspicious infiltrations, day or night, through state pony express. They should be neither lax nor create major problems for minor causes.
    5. Tibet is sparsely populated and has huge barren lands. But when some industrious people wish to clear land, officials desiring bribes or incapable landlords, becoming jealous, have been preventing cultivation under various pretexts. This helps neither landlords nor cultivators and is completely detrimental to the development of the country.
    Therefore, from now on, no landowners, be they state, private or monastic, are allowed to prevent poor and industrious households wishing to clear or even plant poplar, willow, shrubs etc. on fallow public lands in mountains and valleys. Only after three years, tax and rent, shall be levied proportionate to the size of the cultivated land and yield. The right to cultivate the land will then belong to the cultivator forever. This should benefit both the government and the people.
    Implementing this decree amounts to paying gratitude to the government and definitely increases the happiness and welfare of all. Let this decree be proclaimed that has taken into consideration all the pros and cons and is now exhorting everyone in the country to persistently engage in correct ethical and religious principles. Let copies be posted at major centers so that no one can say that he or she has not heard or seen it. Let the original be placed in the district registers to be handed over from outgoing to incoming officials, and let successive officials take care so that the proclamation achieves a sustained result.

    Written on the 8th auspicious Day of the 1st Month of the Female Water-Ox Year in the Second Divine Palace, Potala.

    Remarks:

    1. On February 13, 2013 Tibetans and their supporters in the free world are going to celebrate the centenary of a historic decree by His Holiness the XIII. Dalai Lama which has come to be known falsely as the “Declaration of Tibetan Independence”. As you will see both in the Tibetan text and English translation, at no point do we find any hint that the Great Thirteen was declaring Tibet´s independence but reiterating her independent status.
    According to the XIII. Dalai Lama, Tibet and China lived in mutual support of each other through “Preceptor-Patron” relationship right from the Mongol Khans to the Manchu Emperors. But he states, “nevertheless in recent times, Chinese authorities in Sichuan and Yunnan (…) desire to seize our territory.” In Article 4 he reiterates Tibet´s sovereignty “Tibet is an independent nation”. The XIII. Dalai Lama, however, concedes that “China often seized illegally Tibetan territory in the past” (Article 4) but categorically states that the existing relationship is “not subordination of one to the other”.
    This document is all the more remarkable in that Tibet is showing religious tolerance (Art. 2), and is willing to modernize army, reform administration, abolish inhuman punishments, introduce social justice, and above all carry out land reforms. Indeed, Tibetans can take great pride in celebrating the centenary of this great decree.
    2. I have done this re-translation, since the English translation in Tsepon W.D. Shakabpa´s “Tibet – A Political History” is only a summary translation and, although it is very readable, it contains two errors: Art. 1 “can only be maintained by preserving the faith of Buddhism” (page 247) and Art. 4 “We are a small, religious, and independent nation” (page 248)
    3. I am preparing an analysis of this decree and will post it after February 24, 2013.
    Tsewang Norbu, Berlin (Norbu.Tibet@gmail.com)
     
    Top
    .
  4.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    Breaking: Tibetan monk self-immolates in Nepal
    Phayul[Wednesday, February 13, 2013 09:27]

    DHARAMSHALA, February 13: A Tibetan monk today set himself on fire today near the holy stupa of Boudhanath in the heart of Nepalese capital city Kathmandu.
    In a photo received by Phayul, the monk could be seen engulfed in towering flames. No further information is available on the identity of the monk or his condition, although our sources in the region fear for the worst.
    According to eyewitnesses, the monk was severely burned and was later rushed to a hospital.
    Further information is awaited.
    Across the Himalayas, as many as 99 Tibetans have set themselves on fire protesting China’s occupation and demanding freedom and the return of His Holiness the Dalai Lama from exile.
    The self-immolation today coincides with the 100 years of the declaration of the “Tibetan Proclamation of Independence” by His Holiness the Great 13th Dalai Lama.
    Exile Tibetans and supporters all over the world have planned major events to commemorate the historic event reasserting Tibet’s independence.
    In recent years, following growing ties between Nepal and China, Kathmandu has clamped down strictly on Tibetans refugees living in the country.
    This is not the first occasion when a Tibetan has set himself on fire in Kathmandu. In November 2011, a Tibetan monk Bhutuk set himself ablaze at the same spot.
    He survived his fiery protest and later escaped to India following a large scale manhunt by Nepali police.

    Breaking: Monk in Ngaba becomes 100th to self-immolate under China’s rule
    Phayul[Wednesday, February 13, 2013 21:41]

    DHARAMSHALA, February 13: In confirmed reports, a Tibetan monk set himself on fire on February 3 in the Ngaba region of eastern Tibet protesting China’s continued occupation of Tibet.
    Lobsang Namgyal, 37, a monk of the Kirti Monastery has become the 100th known Tibetan to self-immolate under China’s rule since the wave began in 2009.
    Following immense security clampdown in the region, the news of Lobsang Namgyal’s fiery protest reached exile on February 13, a day being observed by Tibetan exiles all over the world as the 100th year of His Holiness the 13th Dalai Lama’s Tibetan Proclamation of Independence.
    According to the exile base of the Kirti Monastery in Dharamshala, Lobsang Namgyal set himself ablaze near the local police building in Zoege at around 6 am (local time). He passed away at the scene of his protest.
    “Lobsang Namgyal, engulfed in flames, shouted slogans for the long life of His Holiness the Dalai Lama as he ran towards the local police building,” Kirti Monastery said in a release citing sources in the region.
    Lobsang Namgyal’s identity was confirmed after Chinese police found his identity card and a letter from inside a bag near the protest site. The contents of the letter are not yet known.
    “Chinese security personnel bundled away his body from the site and carried out his cremation without informing his family members,” Kirti Monastery said. “Only his ashes were handed over.”
    In September 2012, Lobsang Namgyal had all of a sudden gone missing for two weeks prompting frantic searches from his family members and friends. It was later found out that he was taken into custody by Chinese security personnel for unknown reasons.
    Upon his return, local Chinese authorities made it difficult for him to continue his stay at the Monastery and was forced to live with his relatives in the nomadic pastures. However, Chinese officials followed his movements and continued to harass him, the release noted.
    Before carrying out his self-immolation protest, Lobsang Namgyal reportedly came to the Kirti Monastery to offer prayers.
    Currently, all movement of his relatives are being closely watched by the police and their phone calls are being monitored, the release added. His younger brother, monk Lobsang Sangay, was also detained for a few days following the protest.
    Lobsang Namgyal is survived by his father Karkho and mother Kar Kyi and eight brothers and sisters.
    Earlier today, a Tibetan monk in the Nepali capital of Kathmandu set himself on fire protesting China’s rule in Tibet. Clear details about the protest and the identity of the monk are still not available.

    thelatestfiremap

    Tibetan self-immolator passes away, Kathmandu Tibetans hold vigil
    [Thursday, February 14, 2013 10:12]

    DHARAMSHALA, February 14: The Tibetan monk who self-immolated in the Nepalese capital Kathmandu yesterday has reportedly passed away. Sources have told Phayul that the monk, who is still not clearly identified, breathed his last at the Tribhuwan University Teaching Hospital at around 10:30 pm (local time) Wednesday night.
    Doctors at the hospital yesterday confirmed that the monk was in “critical” condition and had received 96 per cent burns.
    President of the Human Rights Organisation of Nepal, who went inside the hospital and met with doctors treating the Tibetan self-immolator, cited them as saying that the patient was admitted at the hospital at 8:45 am (local time). Doctors had to make an incision in his throat to ease his breathing and gave him painkillers.
    “They said he was speaking in Tibetan initially and after about 5 minutes it stopped,” Sambhu Lama, a member of the group told Phayul yesterday.
    Although the group was not able to verify the name of the Tibetan monk, a Tibetan present at the hospital identified him as Lobsang as against the name used by Nepali police, Dhondup Lotsey. He is believed to be below 30 years of age.
    The Tibetan monk set himself on fire protesting Chinese rule in Tibet yesterday at around 8:20 am (local time) near the holy Buddhist stupa of Boudhanath.
    A police official Keshav Adhikari told AP that the man went inside a cafe, poured gasoline on himself and set himself on fire. The report further quoted a local eyewitness as saying that the monk ran a few steps chanting slogans against China before he collapsed on the ground, engulfed in flames.
    Security in the entire region has reportedly been tightened following the protest.
    The self-immolation on February 13 also coincided with the 100 years of the declaration of the “Tibetan Proclamation of Independence” by His Holiness the Great 13th Dalai Lama.
    Wednesday evening, Tibetan residents of the Samdupling Settlement, Jawalakhel Kathmandu gathered for a secret candle light vigil and a prayer session to express solidarity with Tibetan self-immolators.
    One of the organisers told Phayul that all Tibetans, “from infants to the eldest members of the community,” took part in the vigil despite heavy restrictions from the local authorities.
    In recent years Nepal has increasingly clamped down on the cultural and political expression of its Tibetan community numbering over 20,000. The country’s increasing dependence on China for financial aid has meant that the freedom of Tibetan refugees have been curtailed. Several Tibetans caught trying to escape Tibet through Nepal have been repatriated in recent years.
    Sikyong Dr Lobsang Sangay, who is currently in the United States told the Times earlier yesterday that the “occupation of Tibet and repression of Tibetans are the primary reason for the self-immolations inside Tibet."
    "The solution to the tragedy in Tibet lies with Beijing and my administration is fully committed to dialogue and to address the issue peacefully," Sikyong Sangay said.
    Since 2009, as many as 100 known Tibetans, living under China’s rule have set themselves on fire demanding freedom and the return of His Holiness the Dalai Lama from exile.
    In exile, the Tibetan monk has become the third Tibetan to pass away in a self-immolation protest following Thubten Ngodup in 1998 and Jamphel Yeshi in March 2012.

    http://tibettruth.com/2013/02/13/anonymous...dependence-day/
     
    Top
    .
  5.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    6,616
    Location
    casa mia

    Status
    Offline

    l'autoimmolazione continua a rimanere una delle pratiche piu' stupide e senza senso, oltre che karmicamente gravi cje un monaco non dovrebbe praticare, che in luogo di favorire la causa tibetana la sta danneggiando pesantemente, come spiegato anche dal Dalai Lama.
    Il tibet ora come conseguenza di cio' è chiuso pure ai visitatori ed operatori stranieri .........quindi meno possibiltà di testimonianze dirette e di aiuti persino da parte delle onlus straniere che operavano a favore del tibet in territorio tibetano.

    se continuano cosi' ad auto bruciarsi, i cinesi prima o poi utilizzeranno delle soluzioni di pulizia etnica molto sgradevoli e questo i tibetani che inneggiano ad immolarsi non lo hanno ancora capito oppure si autoimmolano spinti da agitprop tibetani al soldo del governo di pechino......

    "Questo messaggio è stato scritto da un utente bannato – tra gli altri motivi – per i flames e gli insulti gratuiti ed eccessivi alle tradizioni diverse dalla sua pseudoscuola esoterica che si è creato a tavolino per scopi puramente egoistici, dannosi e antitradizionali. Si tratta di un personaggio assolutamente tracotante, falso, perverso e truffaldino. Il Founder del Forum si dissocia e non si riconosce nello spirito dei suoi messaggi, ma ne mantiene alcuni per puro interesse storico, culturale e consultativo. Chi non è d’accordo sui contenuti ed abbia da ridire è il benvenuto." Il Founder **Destiny**
     
    Top
    .
  6.  
    .
    Avatar

    Kalsang

    Group
    Member
    Posts
    47
    Location
    Lecce

    Status
    Anonymous

    Ora la propaganda antiimmolazione fa parte della campagna di rieducazione patriottica cinese

    (Premetto che anch'io sono contraria alle autoimmolazioni). I recenti arresti e la detenzione di 70 tibetani nella prefettura di Mahlo in rapporto a una serie di autoimmolazioni a partire dal novembre 2012 fanno parte della propaganda cinese antiimmolazione: un tentativo ufficiale di criminalizzare le autoimmolazioni tibetane, atti estremi e drammatici di protesta non violenta, e di stabilire un collegamento tra queste e la “cricca del Dalai Lama” (come viene chiamata dal governo di Pechino) in esilio. Ciò fa parte di un preciso e sistematico piano architettato dal governo cinese per evitare di ascoltare ed accogliere le istanze del popolo tibetano, ed è spiegato dettagliatamente in questa pagina del sito del Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia:
    http://www.tchrd.org/2013/02/anti-self-imm...ation-campaign/
    Come emerge dal documento pubblicato dal governo cinese lo scorso gennaio, le norme punitive nei confronti dei tibetani (gli arresti, la detenzione e le condanne a morte con o senza pena sospesa) sono state ulteriormente intensificate. Una volta in carcere, a furia di essere incatenati e torturati ogni giorno, e in più ogni tanto appesi al soffitto per molte ore, con le mani e le gambe legati insieme, come animali al macello, nutriti irregolarmente con tsampa a cui è aggiunta sabbia per farli assetare e “dissetati” con le loro stesse urine ("servite" come bevanda), picchiati, martoriati con i bastoni elettrici ai denti e agli occhi (che danneggiano anche il cervello e portano al delirio), è come se fossero già in procinto di morire. (Radio Free Asia [December 22, 2012 4:22 pm], Redazione [Mer, 05/12/2012]).
    La campagna anti-immolazione del governo cinese non si prende affatto cura dei tibetani: coloro che sono sopravvissuti all’autoimmolazione e sono stati ricoverati presso gli ospedali cinesi hanno subito l’amputazione di tutti e quattro gli arti e sono stati inoltre maltrattati, insultati, umiliati e derisi in ogni modo sia dai poliziotti che dai dottori, e sottoposti continuamente ad interrogatori. (Phayul [Monday, October 01, 2012 12:00])
     
    Top
    .
  7.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    6,616
    Location
    casa mia

    Status
    Offline

    se la facessero finita con le autoimmolazioni la causa tibetana ne guadagnerebbe sicuramente
    e dovrebbero farla finita anche di sbandierare le figurine del dalai lama e poi scambiarsele di nascosto, che alla fine se ne ha andato è scappato e ha abbandonato il suo popolo....non facendoci proprio na gran figura....

    e questi ancora lo adorano come un dio vivente?????
    SE invece all'interno del popolo tibetano in tibet fossero emersi leader in grado di mediare le loro necessità di libertà religiosa e delle loro tradizioni in quella che era ormai la nuova ineluttabile situazione, invece di far riferimento ancora ad un Dalai Lama divenuto un fantasma in fuga in modo stupido ed ossessivo, che li ha mollati per andare a farsi i cazzi suoi ed tirar su soldi in occidente, forse la situazione in tibet oggi sarebbe migliore per tibetani, come lo è per molte altre etnie non Han di altra religione , che sono governate sempre dalla grande cina....

    ma io tibetani evidentemente non sono in grado di capirlo e quando lo capiranno sarà sempre troppo tardi per loro perchè nel frattempo per la loro ostinazione nel seguire strategie impossibili perdenti e fallimentari su tutta la linea saranno sterminati dai cinesi al contrario di altre etnie che ai margini dell'impero vivono senza i problemi dei tibetani che si ostinano ad appellarsi ad un salvatore che è solo un fantasma del passato da cui dovrebbero un attimo liberarsi emotivamente, visto la sfiga che ha portato a tutto il tibet dopo la sua fuga vigliacca, come un capitano che abbandona la nave prima di tutti i passeggeri e raggiuggendo la terra ferma continua a fornire false illusioni invece di ritirarsi abdicare fin da subito per allentare la tensione che i cinesi hanno sul tibet a causa sua e consentire al suo popolo un destino migliore
    Il dalai lama non ha certo dimostrato abilità politica e amore per il suo popolo pretendendo di lasciare in piedi un governo tibetano alternativo a quello di pechino. PIuttosto ha lasciato in essere con molto egoismo l'unica causa per cui i cinesi si sono infuriati distruggendo il popolo tibetano e le sue tradizioni religioni: il culto del Dalai Lama come dio vivente e supremo capo politico e spirituale del tibet.

    Poteva anche scappare in modo vigliacco e dire: Io prendo atto della situazione. Abdico e non rivendico alcun diritto sul futuro governo tibetano in cambio della pace e di una vita pacifica per il mio popolo rimasto in tibet che troverà con i cinesi modi pacifici per convivere e collaborare.
    GUardate che ci sono etnie musulmane in cina che praticano la loro religione ed i cinesi mica gli rompono i colgioni o glielo impediscono perchè sono intelligenti e non rivendicano un governo ombra in alternativa a quello di pechino. In caso contrario li avrebbero già massacrati tutti.

    A volte il pragmatismo salva milioni di vite e consente uno sviluppo pacifico sociale di un popolo, che deve accettare la supremazia di una relatà come la cina contro la quale solo un folle puo' sperare di vincere con armi come la protesta e la pretesa di indipendenza.

    Invece l'idealismo fanatico di una causa persa come quella portata avanti dal governo in esilio del dalai lama provoca milioni di morti proprio tra il suo popolo grazie al suo atteggiamento da politico fallito e demagogo......
    Perchè il dalai lama se aveva un briciolo di palle non ha fatto quello che ha fatto invocando la resistenza e la ribellione e proclamando il suo governo ed il suo potere sul tibet, rimanendo a Lhasa???

    Li' avrebbe certamente dimostrato di essere almeno un monaco coerente con le sue idee, ed un tulku senza paura perchè incarnazione di un principio illuminato superiore in luogo di un monaco che gira con le scarpe di Gucci.....

    Se invece decidi di scappare per salvare pezzi della tua tradizione, allora almeno non condannare il tuo popolo ad essere perseguitato perchè ti cultuano ancora come un Dio - che evidentemente non sei - cosa che manda in bestia i cinesi che si scatenano trucidando il tuo popolo. Libera quindi il tuo popolo dalle catene della violenza e della persecuzione portata avanti nel tuo nome e cosi' magari accumuli qualche merito invece di avere sulla coscienza miglia di morti tibetani per l'egosimo di portare avanti una politica fallimentare e senza speranza in partenza.

    Quando ce vò, ce vò......

    Edited by dorje e gabbana - 16/2/2013, 00:17

    "Questo messaggio è stato scritto da un utente bannato – tra gli altri motivi – per i flames e gli insulti gratuiti ed eccessivi alle tradizioni diverse dalla sua pseudoscuola esoterica che si è creato a tavolino per scopi puramente egoistici, dannosi e antitradizionali. Si tratta di un personaggio assolutamente tracotante, falso, perverso e truffaldino. Il Founder del Forum si dissocia e non si riconosce nello spirito dei suoi messaggi, ma ne mantiene alcuni per puro interesse storico, culturale e consultativo. Chi non è d’accordo sui contenuti ed abbia da ridire è il benvenuto." Il Founder **Destiny**
     
    Top
    .
  8.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    1,824

    Status
    Offline

    Da un punto di vista politologico e soprattutto pragmatico, trovo tali affermazioni molto corrette. Il paese delle nevi è perduto per sempre, quindi a questo punto sarebbe meglio salvare delle vite umane piuttosto che darle in pasto ai cinesi. La politica del governo tibetano in esilio è stata un fallimento totale.
     
    Top
    .
  9.  
    .
    Avatar

    Kalsang

    Group
    Member
    Posts
    47
    Location
    Lecce

    Status
    Anonymous

    Rispondo a Dorje e Gabbana: trovo vergognoso che il popolo tibetano, grazie al quale migliaia di occidentali hanno potuto scoprire la gioia, la beatitudine e la pace del buddhismo, debba venire insultato proprio in un forum buddhista, il cui regolamento, tra l’altro, recita testualmente: “I membri di questo forum non possono utilizzare un linguaggio rozzo o irrispettoso, canzonatorio, ingannare, mentire, fare attacchi personali, insultare razze, nazionalità, culture, religioni, orientamenti sessuali e preferenze politiche.” Mi riferisco, ad esempio, al tuo aver affermato poc’anzi che l’autoimmolazione sarebbe una pratica stupida e sensa senso, all'aver paragonato ingiustamente i tibetani ai talebani nel tuo post del 10/12/2012 ed averli chiamati “pazzi fanatici”, al tuo sostenere che il Dalai Lama “li ha mollati per andare a farsi i cazzi suoi ed tirar su soldi in occidente”. Qui nessuno si sognerebbe di insultare il governo cinese ed i suoi rappresentanti, né tantomeno i cinesi, per cui è essenziale innanzitutto adottare un linguaggio rispettoso. Lo scambio di opinioni divergenti o differenti è una cosa sacrosanta, ma deve avvenire nel totale rispetto reciproco.
    Capire i tibetani è in realtà assai facile. Bisogna andare un po’ indietro nell’illustre storia del Tibet. Come ci sentiremmo noi se fossimo oppressi da un paese gigantesco come la Cina e fossimo costretti ad autoaccusarci dei crimini non commessi e ad autodegradarci? Infatti, a causa del "thamzing", i tibetani erano costretti, durante l’era di Mao Zedong, ad autoaccusarsi dei crimini non commessi e ad autodegradarsi. Cito dal sito: http://users.libero.it/aetos/tibet/quest_tibet.html
    “ I bambini erano sovente obbligati ad accusare i genitori di aver compiuto questo o quel crimine e a colpirli con sassi.
    Molti genitori, a loro volta, sono stati costretti a pagare i proiettili usati per ucciderli e a ringraziare i cinesi per aver eliminato "elementi antisociali".
    Le donne tibetane sono soggette tuttora a sterilizzazioni forzate e a procurati aborti: il potere cinese vuole che i cinesi in Tibet siano sempre più numerosi e i tibetani sempre di meno.
    Spesso vengono sterilizzate in condizioni spaventose, tutte le donne in età fertile di un paese: radunate a forza davanti a una tenda montata allo scopo, sono costrette ad attendere il loro turno ascoltando oltretutto le grida della donna operata all'interno. Non ci sono anestesie, altissima è la percentuale di donne morte per infezione, poiché vengono obbligate ad abortire anche donne in attesa da cinque o sei mesi. Le donne tibetane si rifiutano di partorire negli ospedali perché in molti casi il bimbo viene loro sottratto e considerato "morto durante il parto".”
    Purtroppo la campagna di sterilizzazione forzata delle donne tibetane continua ancora oggi senza tregua a traumatizzare innumerevoli vittime innocenti.
    A partire dal 1950, l’esercito tibetano fu sopraffatto numericamente da quello cinese, e così iniziò l’occupazione del paese del leone delle nevi. Come dimostra il documento chiamato comunemente “Dichiarazione d’Indipendenza Tibetana” (in realtà una riaffermazione dell’indipendenza tibetana, visto che il Tibet aveva comunque sempre mantenuto la sua indipendenza) redatta dal 13° Dalai Lama, il Tibet era uno stato sovrano e i suoi confini erano ben definiti. Tuttavia, a partire dal 1950, i leaders politici cinesi hanno classificato i tibetani come un “popolo barbarico e non civilizzato”, che doveva essere “assimilato o eliminato” (“Jampa, The story of racism in Tibet”, 2001, pagina 24). E’ questa la verità, e non è vero che “l'unica causa per cui i cinesi si sono infuriati distruggendo il popolo tibetano e le sue tradizioni religioni" sarebbe "il culto del Dalai Lama come dio vivente e supremo capo politico e spirituale del tibet.” E comunque, anche se così fosse, non avrebbero alcun diritto di fare ciò.

    La Cina trae enorme ricchezza economica dallo sfruttamento selvaggio delle risorse del Tibet, dall’accaparramento del suo patrimonio idrico e minerario, dalla deforestazione sistematica, dallo stoccaggio di scorie nucleari. La deforestazione inoltre provoca desertificazione, che sta facendo sciogliere velocemente i ghiacciai himalayani, aggravando ulteriormente il fenomeno del riscaldamento globale. Le terre in cui i nomadi avevano vissuto per secoli vengono loro strappate, ed essi sono costretti nel ghetto. La Cina, con la sua cupidigia ed il suo egoismo sadico sta compromettendo l’equilibrio climatico dell’intero pianeta: il Tibet, conosciuto anche come il terzo polo glaciale della terra, si sta riscaldando 2 volte più in fretta rispetto al resto del mondo. La soluzione del governo di Pechino è stata (almeno, fino ad ora) quella di costruire altre dighe, incluse almeno 5 lungo lo Yarlung Tsangpo, che fino a poco tempo fa era il più grande fiume privo di dighe al mondo. Gli ambientalisti sono molto preoccupati in merito al loro impatto ambientale: i nomadi, che per secoli hanno vissuto in maniera ecosostenibile, saranno privati dell’accesso a una riserva d’acqua stabile e sicura, le ripercussioni della costruzione di dette dighe si faranno sentire anche a livello sismico, l’equilibrio della biodiversità del paese più biodiverso del mondo sarà messo interamente a rischio. La politica “ambientale” fino ad ora messa in atto dal governo cinese ha portato carestie in tutto il Tibet, desertificazione delle praterie e dei pascoli, devastanti inondazioni causate dalla deforestazione, e distruzione dell’ambiente attraverso un’attività di estrazione mineraria non regolamentata e sfrenata. Nel frattempo, la Cina incolpa i poveri nomadi, e non la sua politica dissennata, di depauperare le risorse idriche “cinesi”.
    [Fonti: “Tracking the steal dragon”, 2008, p.231; The Guardian, 24 maggio 2010, Il Geologo Yang Yong citato dal South China Morning Post, 1 maggio 2010; Conservation International; il congresso del Consiglio di Stato presieduto da Wen Jiabao, 30 marzo 2011; l’ufficio informazioni per l’ambiente e lo sviluppo del Tibet, “Resource extraction and development”, 2012]
    La Cina, in tutta questa questione, secondo me assomiglia molto a un bambino che gioca con altri bambini, e a un certo punto si rende conto che uno di essi (il Tibet) ha un giocattolo favoloso: allora glielo strappa, e siccome il povero bambino derubato si mette a piangere, lo picchia e lo pugnala, e dice: “Se non la smetti, ti ammazzo definitivamente!”.
    Come si può affermare di non comprendere le autoimmolazioni tibetane? Come ci sentiremmo noi se fossimo oppressi, derubati, schiacciati ed umiliati da un gigante economico come la Cina, sapendo che il nostro popolo ha urlato disperatamente il suo dolore al mondo e lottato con tutte le sue forze, con tutta la sua vita fin dal 1950, e che nessuno lo ha mai aiutato perché ogni paese si cura massimamente soltanto dei propri interessi economici, ed i suoi industriali e politici non osano sfidare il governo di Pechino perché ne hanno una paura folle e perché tutto ciò che importa loro è soltanto continuare ad arricchirsi come hanno fatto fino ad ora? Come ci sentiremmo se, colti nell’atto di recitare una preghiera, per acquistare la forza mentale e fisica necessarie a superare la tortura, l’emarginazione, le innumerevoli onte subite dal governo cinese, ci venisse infilato un bastone elettrico tra i denti? I poveri tibetani non sono liberi nemmeno di pregare! Roberto Benigni, nella sua favolosa serata “La più bella del mondo” ha ricordato come quella della spiritualità costituisca la sfera più intima di un individuo, una sfera sacra e intoccabile. Non è giusto aver privato il popolo tibetano del diritto all’autodeterminazione, e un reato ancor più grave (in mezzo ai tanti innumerevoli di cui si è parlato in questa discussione) è l’aver negato loro il diritto di professare la propria religione, cosa che ha causato un dolore immenso ai tibetani ed ha contribuito ad aumentare il numero delle autoimmolazioni. Come ci sentiremmo se uno o alcuni dei nostri cari fossero ad un certo punto scomparsi senza lasciar traccia, e noi non sapessimo che cosa è accaduto loro, se sono già morti, se sono ancora vivi e stanno soffrendo atrocemente a causa della tortura in carcere? Come ci sentiremmo se fossimo sopravvissuti all’esperienza del carcere e stessimo ancora soffrendo a causa del trauma mentale e fisico di essere continuamente privati del sonno e torturati nei modi che ho descritto nel mio post precedente? Come ci sentiremmo se la nostra salute e quella delle persone che amiamo di più fosse stata danneggiata in modo irreversibile?
    Come si può non comprendere la disperazione del popolo tibetano? In circostanze del genere è assai difficile mantenersi positivi, fiduciosi e ottimisti. Esistono dei limiti umani di tollerazione del dolore. Viviamo in un paese in cui l’opinione pubblica dimostra giustamente solidarietà e comprensione per l’imprenditore edile di 58 anni che si è dato fuoco davanti all’agenzia delle entrate di Bologna, come si può non comprendere il popolo tibetano, che brucia di dolore e disperazione, tutto solo e senza che nessun paese lo difenda?
    Possiamo iniziare a guardare la questione dall’interno. La bellissima giornalista e blogger in esilio, nonché ex Miss Tibet Tsering Kyi ha scritto un articolo sull’autoimmolazione del suo nipote Tsering Tashi il 12 gennaio scorso. Quella mattina, egli disse a sua madre:
    - Oggi indosserò il mio chupa (soprabito tradizionale tibetano). Quale è meglio che indossi?
    - Fa proprio freddo. Metti quello pesante!
    Rispose sua madre.
    Tsering Tashi chiese poi ad alcuni amici pastori di badare ai suoi yak ed alle sue pecore: “Devo fare un lavoro importante in città, poi tornerò!”. Nella piega del suo soprabito di lana, gli altri non videro la bottiglia di benzina che si sarebbe versato addosso in seguito. Spense il cellulare. E poi accese un fiammifero.
    www.washingtonpost.com/blogs/guest-...510a8_blog.html
    Bisogna notare che nessuno era al corrente delle sue intenzioni: né sua moglie, né i suoi familiari, né i suoi amici.
    Come afferma Tsering Kyi alla fine dell’articolo, la sua auto immolazione non è priva di motivo o di senso: le fiamme che si sono levate dal suo corpo hanno sicuramente illuminato la lotta per l’indipendenza del popolo tibetano. Io sono totalmente d’accordo con lei: non dimentichiamo che c’è una forte censura sui notiziari ed i giornali di tutto il mondo per quel che concerne la situazione in Tibet. Se ogni giorno sentiamo parlare del conflitto in Siria, per quanto riguarda la questione tibetana, possiamo considerarci fortunati se ogni tanto Rai News 24 manda in onda un documentario sulle auto immolazioni (e solo per pochi giorni). Sono contraria alle autoimmolazioni, ma affermare che siano stupide e sensa senso è assai deplorevole. Inoltre, credo di comprendere chi si autoimmola.

    Io non sarei così sicura che, contro la Cina, “solo un folle puo' sperare di vincere con armi come la protesta e la pretesa di indipendenza.” Tanto per cominciare, ora come ora, la Cina spende più soldi nella “sicurezza pubblica” che nella difesa internazionale, e questo potrebbe rendere il maestoso gigante economico molto vulnerabile nell'attuale quadro mondiale. Inoltre, come ha ricordato Tendor (Tenzin Dorjee) di Students for a Free Tibet, le dittature invecchiano e muoiono, il totalitarismo è un vicolo cieco. Secondo lo studioso cinese Minxin Pei, le dittature hanno delle fenditure nelle loro stesse fondamenta, fenditure che limitano la loro esistenza al di là di un certo numero di decadi, perfino nei casi dei regimi più duraturi. L’unione Sovietica si sbriciolò al suo 74° anno, il regime messicano al suo 71°, il Kuomintang al suo 73°. Il Partito comunista Cinese ha 63 anni e, secondo Pei, gli rimangono poco più di 10 o 15 anni, se è abbastanza fortunato da sopravvivere così a lungo. (Potrei parlare dei numerosi motivi di malcontento anche tra la popolazione cinese, per esempio la politica del figlio unico, che ha portato alla morte di decine di milioni di bambine cinesi, abbandonate o eliminate per mezzo dell’aborto: il risultato è che ci sono 37 milioni di uomini in più rispetto al numero delle donne in Cina, e che sono aumentati il traffico sessuale, la prostituzione e il fenomeno delle spose bambine. Però andrei fuori tema.)
    Mi piacerebbe poter continuare a rispondere ogni volta che lo ritenessi opportuno, ma purtroppo sono a corto di tempo. Risponderò quando potrò. ^_^

    Nel frattempo, Pö Rangzen!

    Edited by 1Wakana - 16/2/2013, 20:40
     
    Top
    .
  10.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    6,616
    Location
    casa mia

    Status
    Offline

    .
    CITAZIONE
    Mi riferisco, ad esempio, al tuo aver affermato poc’anzi che l’autoimmolazione sarebbe una pratica stupida e sensa senso

    Lo è senza ombra di dubbio
    Ma non avevi scritto nello Post precedente proprio in apertura:
    CITAZIONE
    Premetto che anch'io sono contraria alle autoimmolazioni)

    Mi sembra che tu prima affermi una cosa per poi negarla subito dopo ed affermare l'esatto contrario. Quindi il tuo argomentare è piuttosto confuso e privo di ogni logica.....

    Quanto ai danni creati dalla politica del Dalai Lama fanatica oltranzista e senza nessun tipo di aggancio con la realtà, questi sono sotto gli occhi di tutti.

    CITAZIONE
    nfatti, a causa del "thamzing", i tibetani erano costretti, durante l’era di Mao Zedong, ad autoaccusarsi dei crimini non commessi e ad autodegradarsi. Cito dal sito: http://users.libero.it/aetos/tibet/quest_tibet.html

    Evidentemente non conosci bene la storia, perchè la stessa cosa accadde non solo in Tibet, ma in tutta la cina dove infurio' la follia omicida delle guardie rosse, di cui persino Mao Zedong alla fine aveva un enorme terrore, che uccisero milioni di cinesi mettendo figlio contro madre figlia contro padre cinese non solo istigandoli a denunciarli ma spesso mettendogli in mano l'arma che li giustiziava.
    Questo non assolve certo Mao che ha colpe enormi su molti fronti e sarebbe stato preferibile che non fosse mai nato....

    CITAZIONE
    La politica “ambientale” fino ad ora messa in atto dal governo cinese ha portato carestie in tutto il Tibet, desertificazione delle praterie e dei pascoli, devastanti inondazioni causate dalla deforestazione, e distruzione dell’ambiente attraverso un’attività di estrazione mineraria non regolamentata e sfrenata. Nel frattempo, la Cina incolpa i poveri nomadi, e non la sua politica dissennata, di depauperare le risorse idriche “cinesi”.

    Vero ma non c'è da stupirsi perchè è la politica folle dei cinesi portata avanti anche in Cina con i cinesi. Basti ricordare la riforma agricola totalmente toppata ed il grande balzo degli anni 50 voluta da Mao personalmente che causo' la morte di oltre 50 milioni di contandini cinesi per carestia

    CITAZIONE
    al tuo sostenere che il Dalai Lama “li ha mollati per andare a farsi i cazzi suoi ed tirar su soldi in occidente

    Questi sono i fatti. E tu non puoi certo negarli o cambiarli. Ha scelto di scappare invece di rimanere con il suo popolo a sostenerlo da vicino e lottare insieme a loro con il suo potere superiore di Bodhisatwa. E' scappato abbandonanado per primo la nave che affondava, punto e basta e non si puo' sostenere il contrario. Se fosse fuggito per salvare la sua tradizione avrebbe dovuto comportarsi dall'esilio con i cinesi in modo diametricalmente opposto di quanto ha fatto per salvaguardare monasteri, monaci e tibetani laici.

    Quindi temo che tu non sappia leggere bene, perchè Infatti la mia critica non era certo rivolta al popolo tibetano, con cui dal punto di vista umano non posso essere che solidale, e che ha subito le terribili conseguenze di esasperazioni proprio a causa del fatto che il Dalai Lama ha conitnuato a proclamarsi Re-Monarca del tibet in esilio, istigando per anni il popolo tibetano a continuare una rivolta senza possibilità di vittoria creando in questo modo spiacevoli complicazioni al suo popolo.
    Alla fine dopo decenni se ne è accorto anche lui ed ha riconosciuto che ogni atto in questa direzione non ha piu' alcun senso e critica severamente le autoimmolazioni, come atti privi di senso.

    Magari poteva giungere a queste conclusioni decenni prima invece di proclamare negli anni 80 e 90 che resto sarebbe tornato a goenae il tibet, e di spingere i tibetani a resistere in ogni modo perchè sapeva che presto sarebbe tornato in Tibet a goverare il suo popolo......
    Se queste informazioni gli furono date dai sui oracoli ed l Dalai lama le ha fatte sue credendoci in pieno ha dimostrato di aver toppato in pieno come leader sacrale che non aveva alcuna chiaroveggenza da Bodisatva ed in pi ha toppato clamorosamente come capo politico avendo sulla coscienza milioni di tibetani morti inutlmente, visto che lui non è mai tornato a governare il tibet ne torNERà MAI
    E' facile comprendere che il Dalai Lama ha quindi responsabilità enormi con milioni di morti di tibetani inutili e anche questi sono fatti storici e non interpretazioni personali

    Quello che tu non capisci è che il Tibet è spacciato, che non ha alcuna possibilità dal punto di vista della realpotik perchè la Cina è oggi una superpotenza militare in grado di mettere in ginocchio persino gli stati uniti e considera il territorio tibetano come una delle tante province di etnie diverse dalla han che governa con metodi tirannici che tutti conosciamo.

    Quindi piu' autoimmolazioni abbiamo e piu' il tasso di rappresagli aumenta. Prima nasceranno leader tibetani in grado di favorire una integrazione come è successo in altre provincie cinesi a dominanza islamica, e prima il popolo tibetano vedrà allentarsi la morsa di persecuzioni che da decenni lo colpisce.

    Il resto per esempio fomentare la protesta attraverso e autoimmolazioni, sono solo inutili azioni (con conseguenza karmiche anche nefaste per chi le pratica) che alimentano false speranze, che aumentano a loro volta il tasso di sofferenza generale del popolo tibetano

    Edited by dorje e gabbana - 16/2/2013, 20:17

    "Questo messaggio è stato scritto da un utente bannato – tra gli altri motivi – per i flames e gli insulti gratuiti ed eccessivi alle tradizioni diverse dalla sua pseudoscuola esoterica che si è creato a tavolino per scopi puramente egoistici, dannosi e antitradizionali. Si tratta di un personaggio assolutamente tracotante, falso, perverso e truffaldino. Il Founder del Forum si dissocia e non si riconosce nello spirito dei suoi messaggi, ma ne mantiene alcuni per puro interesse storico, culturale e consultativo. Chi non è d’accordo sui contenuti ed abbia da ridire è il benvenuto." Il Founder **Destiny**
     
    Top
    .
  11.  
    .
    Avatar

    Kalsang

    Group
    Member
    Posts
    47
    Location
    Lecce

    Status
    Anonymous

    Ciao Dorje e Gabbana, ho provato a usare la funzione multiquote ma tutta la pagina mi è diventata come trasparente. E' normale? E poi che si deve fare? Mi potresti insegnare ad usarlo? :lol:
    Sono costretta a citare le tue parole tra virgolette...

    "Mi sembra che tu prima affermi una cosa per poi negarla subito dopo ed affermare l'esatto contrario. Quindi il tuo argomentare è piuttosto confuso e privo di ogni logica....."

    Ho capito la tua tattica: impugni ciò che affermo in modo da fare apparire le persone come me, quelle che sostengono la causa tibetana, come persone confuse, con le idee poco chiare, il cui argomentare sarebbe “ piuttosto confuso e privo di ogni logica”. Non esiste nessuna contraddizione all'interno del mio punto di vista, chiunque abbia letto tutti i miei posts potrà confermare che non è contraddittorio. Esso è molto semplice: a) sono contraria alle autoimmolazioni; b) occorre stimolare il Parlamento Europeo e i governi nazionali e locali di tutto il mondo a riconoscere il diritto all’ autodeterminazione del Tibet nel rispetto delle Risoluzioni dell’ONU, che ne ribadiscono l’inalienabile legittimità, e a non cedere supinamente al ricatto economico abitualmente minacciato dalla Cina (questo andrebbe, tra l’altro, negli interessi stessi dei vari paesi) ; c) purtroppo, le condizioni in cui i tibetani sono costretti a vivere li hanno portati ad autoimmolarsi, e non hai idea di come tutto ciò mi rattristi e mi faccia soffrire [soprattutto quando penso che chi vuole autoimmolarsi, è arrivato perfino ad avvolgersi nel filo spinato per non essere afferrato facilmente dalla polizia cinese, che non lascia i tibetani disperati nemmeno liberi di scegliere di morire per la libertà del proprio paese (Phayul, Saturday, March 17, 2012 20:18)], però almeno nelle loro autoimmolazioni c’è di buono il fatto che hanno avuto l’effetto di far esplodere il grido di dolore e di disperazione del popolo tibetano in tutto il mondo, e ciò fa alla Cina una pubblicità pessima nelle sue relazioni internazionali. Oggi, grazie alla tecnologia, è facile fare fotografare o riprendere con il telefonino una persona che si dà fuoco o un corpo carbonizzato, e poi inviarla attraverso internet in Occidente. Soffro anche per il fatto che chi fa queste foto o riprese rischia la tortura e la pena di morte.

    "Evidentemente non conosci bene la storia"

    Io ho parlato del "thamzing" al fine di poterti permettere di immedesimarti meglio nella realtà in cui i tibetani si trovano costretti a vivere, dato che nel tuo post del 15/2 hai affermato “ma io tibetani evidentemente non sono in grado di capirlo e quando lo capiranno sarà sempre troppo tardi per loro perchè nel frattempo per la loro ostinazione nel seguire strategie impossibili perdenti e fallimentari su tutta la linea saranno sterminati dai cinesi al contrario di altre etnie che ai margini dell'impero vivono senza i problemi dei tibetani”. Mi dispiace, ma, dato che deduci che non conoscerei bene la storia, dimostri di essere arrogante. Non ho capito bene: queste cose sono successe anche ai cinesi, e quindi? Qual è il punto di arrivo della tua logica?

    "Vero ma non c'è da stupirsi perchè è la politica folle dei cinesi portata avanti anche in Cina con i cinesi."

    Stessa cosa qui: queste cose sono successe anche in Cina, e quindi? Qual è il punto di arrivo della tua logica?


    "E' scappato abbandonanado per primo la nave che affondava, punto e basta e non si puo' sostenere il contrario. Se fosse fuggito per salvare la sua tradizione avrebbe dovuto comportarsi dall'esilio con i cinesi in modo diametricalmente opposto di quanto ha fatto per salvaguardare monasteri, monaci e tibetani laici."

    Quindi il Dalai Lama avrebbe dovuto lasciarsi ammazzare? Sarebbe stato meglio per i tibetani non avere nemmeno qualcuno che potesse rappresentarli a livello internazionale, restare totalmente indifesi davanti alla Cina? Che il Dalai Lama sia scappato "abbandonando per primo la nave che affondava, punto e basta e non si puo' sostenere il contrario" è solo la tua opinione, e non è più importante di quella di chiunque altro prenda parte al forum o legga questa discussione.

    "Quindi temo che tu non sappia leggere bene"

    Questo è un insulto. Non hai alcun diritto di parlare in questo modo né a me né a chiunque altro, sia in questo forum che al di fuori di esso. Una persona che si rivolge al prossimo in questo modo non dovrebbe inoltre sentirsi autorizzata a fare l’appunto karmico ai tibetani che hanno scelto l’autoimmolazione come forma di protesta. Io per prima non so se, posta davanti a dolori immensi come quelli che devono sopportare i nostri fratelli e le nostre sorelle tibetani, riuscirei a reggere, e per quanto. Ti potrei inoltre far notare che, se mi parli in questa maniera, non stai esprimendo Mettā, amore-gentilezza non condizionati, nelle tue parole. Il tuo comportamento, sia per quanto riguarda me che la questione tibetana, non si dimostra improntato agli insegnamenti della retta parola e della retta visione che fanno parte del Nobile Ottuplice Sentiero.

    "istigando per anni il popolo tibetano a continuare una rivolta senza possibilità di vittoria"

    Il Dalai Lama ritratto come un lupo nelle vesti di agnello è una figura tipica della campagna di rieducazione patriottica cinese, e, a quanto pare, fa parte anche del tuo punto di vista.

    (Il Dalai Lama)"critica severamente le autoimmolazioni, come atti privi di senso".

    Questo non è vero: egli ha adottato una posizione neutrale dettata da ragioni politiche e dalla compassione nei confronti delle famiglie di coloro che si sono autoimmolati, come spiegano le sue stesse parole: “This is a very, very delicate political issue. Now, the reality is that if I say something positive, then the Chinese immediately blame me. If I say something negative, then the family members of those people feel very sad. They sacrificed their own life. It is not easy. So I do not want to create some kind of impression that this is wrong. So the best thing is to remain neutral.”
    Puoi leggere l’intervista completa al sito:

    http://tibetmurderinthesnow.com/guestbook.html?jn3436ce8f=11

    "politica del Dalai Lama fanatica oltranzista e senza nessun tipo di aggancio con la realtà" e "Quello che tu non capisci è che il Tibet è spacciato, che non ha alcuna possibilità dal punto di vista della realpotik"

    Questo è solo il tuo punto di vista. Ho intenzione di scrivere, appena mi sarà possibile, un post nel quale parlerò dei motivi validissimi e molto realistici per portare avanti la causa tibetana. Nel frattempo, dato che mi fai notare, sempre in maniera arrogante: “Quello che tu non capisci è che il Tibet è spacciato”, io vorrei farti notare invece che il fatto stesso che la Cina si stia dando così tanto da fare per evitare che avvengano altre autoimmolazioni, prova quanto la cattiva pubblicità derivante dall’occupazione militare del Tibet e dalla sua politica spietata e tirannica nei confronti del popolo tibetano abbia un effetto deleterio nelle relazioni internazionali. Come ho già spiegato nel mio post del 15/02, il documento pubblicato dal governo cinese lo scorso gennaio, il cui titolo è stato tradotto in inglese “Cherish Life, Abide by Law”, ovvero “Fai tesoro della/alimenta/ama la vita, rispetta la legge”, in realtà non alimenta o ama affatto la vita dei tibetani: esso ha aumentato ulteriormente le norme punitive nei confronti dei tibetani [gli arresti, la detenzione (e quindi la tortura) e le condanne a morte con o senza pena sospesa], che vengono ingiustamente arrestati sotto falsa accusa di aver istigato le autoimmolazioni. In poche parole, è un documento che autorizza il governo cinese a incarcerare, torturare e uccidere numeri sempre più alti di tibetani. Il governo di Pechino ha aumentato le misure punitive nei confronti delle autoimmolazioni (misure che però sono diventate un pretesto per accusare ingiustamente ed eliminare sempre più tibetani) evidentemente perché il fatto che essi siano arrivati ad autoimmolarsi è una cosa di cui si vergogna molto. E vorrei farti notare anche che non è vero che, come hai scritto nel tuo post del 15/2, che i tibetani verrebbero lasciati in pace come le “altre etnie che ai margini dell'impero vivono senza i problemi dei tibetani” se la smettessero di seguire “strategie impossibili perdenti e fallimentari su tutta la linea”(e sottolineo che anche semplicemente assimilare i tibetani sarebbe terribilmente ingiusto, crudele e sleale): il governo cinese, oltre a voler distruggere la cultura, la lingua e la religione tibetane, vuole asservire completamente i tibetani a sé, offrendo loro lavori umili come quello di pulire i bagni e precludendo loro la possibilità di accedere a posizioni socialmente rispettabili o importanti. Faccio un esempio, sperando che illustri abbastanza bene: la catena Intercontinental Hotels vuole costruire un enorme resort a Lhasa, il ‘Resort Lhasa Paradise’ . Come potrai leggere consultando questa pagina:

    http://www.freetibet.org/news-media/na/int...d-hotel-twitter

    i cinesi Han avranno la priorità nell’assegnazione degli impieghi, e il mandarino rimpiazzerà il tibetano come lingua usata nel resort; inoltre, la posizione di General Manager sarà assegnata preferibilmente a un colone cinese andato a vivere in Tibet o a un Hong Konghese. (“Han Chinese are given priority for jobs, with Mandarin replacing Tibetan as the preferred language of Chinese-run enterprises inside Tibet.” “ In the meantime, the job advertisement for the General Manager position in the Lhasa hotel states that ‘local Chinese or Hong Kongese are preferred’”). Vorrei anche ricordarti che il comportamento dei cinesi che vivono in Tibet è razzista nei confronti dei tibetani.
    A proposito, per chi volesse firmare la petizione per impedire a Intercontinental Hotels di costruire il ‘Resort Lhasa Paradise’, il link è:

    www.freetibet.org/email_targets/1276



    "la Cina è oggi una superpotenza militare in grado di mettere in ginocchio persino gli stati uniti"

    Se la Cina fosse veramente così forte come tu dici, avrebbe già sfidato gli USA, e forse noi saremmo già stati costretti a vivere come i cinesi in Cina, sfruttati sul lavoro fino all’osso, sottopagati, privati della libertà di espressione e di tanti altri diritti, oppure forse ci tratterebbe già come tratta i tibetani, chi lo sa…

    A questo punto, credo che abbiamo occupato davvero molto spazio con il nostro scambio di opinioni. Se rispondi ancora e io tacerò, questo dipenderà dalla mia mancanza di tempo, non di coerenza o di argomenti, e dalla volontà di non ripetermi inutilmente.
     
    Top
    .
  12.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    6,616
    Location
    casa mia

    Status
    Offline

    CITAZIONE
    Se rispondi ancora e io tacerò, questo dipenderà dalla mia mancanza di tempo, non di coerenza o di argomenti

    la tua mancanza di coerenza mi sembra palese e fuori questione visto che prima ti dichiara contraria alle auotimmolazioni e poi quando qualcuno come me ne evidenzia l'inutilità assoluta sia in termini di lotta politica che di lotta di resistenza etnica tu ti inalberi e tiri una filippica di tre pagine. Ma stai bene di testa??? :lol: :lol: :lol:

    CITAZIONE
    Stessa cosa qui: queste cose sono successe anche in Cina, e quindi? Qual è il punto di arrivo della tua logica?

    Che certamente le folli politiche di resistenza ad oltranza instigate per prima dal Dalai Lama hanno causato milioni di morti in Tibet che il Dalai Lama ha sulla coscienza. Questo perchè le guardie rosse avevano compiuto molti massacri in Cina prima di entrare in Tibet già in cina, questo era un fatto ben noto, ed un leader carismatico a capo del suo governo del suo paese in esilio degno di questo nome, come il Dalai lama, avrebbe dovuto tenerne conto invece di far finta che non fossero mai accadute....provocando cosi' con le sue scelte insane milioni di morti Ma questo appare ovvio a chiunque abbia studiato un minimo di politica internazionale e conosca la storia della cina e dell'Asia.

    Per il resto le tue conoscenze di geopolitica e di strategie politiche di resistenza nel caso di regimi totalitari come quello cinese sono assolutamente scarse e le tue argomentazioni pertanto non hanno molto senso.

    Persino un maestro tibetano come CNNR, tra i piu' grandi attivisti per la ricostruzione di ospedali scuole e centri per preservare in tibet la cultura tibetana per i tibetani, quando giovanissimo prima di emigrare in occidente comprese che il Tibet come lo conosceva era perduto e che i pesanti abusi di sfruttamento economico compiuti dai monasteri per secoli ai danni della popolazione in un regime feudale che ormai era finito per sempre, era proprio quello a cui i cinesi si attaccavano per portare avanti la loro propaganda, propose la riorganizzazione dei monasteri e delle comunità religiosi sulle basi di comunità basate invece sulla solidarietà, sulla autonomia produttiva e sul lavoro di tutti invece del lavoro di molti causato dallo sfruttamento di pochi priviliegiati.

    Osservo' che se tutti i monasteri tibetani avessero rivisto il loro sistema economico eliminando l'iniquo e drammatico sfruttamento delle masse contadine, allora i cinesi sarebbero arrivati e non avrebbero avuto niente da cambiare, da obiettare nè da distruggere. Gli diedero del comunista venduto ai cinesi, che aveva cambiato bandiera e tradito i tibetani che invece secondo i suoi critici feroci del tempo dovevano resistere fino alla fine ad ogni costo, perchè solo cosi' alla fine avrebbero vinto. Purtroppo, e lo dico con molto rammarico per tanti morti avvenute proprio a causa di questo atteggiamento miope, questi folli avevano torto e furono massacrati dai cinesi insieme a tanti innocenti coinvolti dalle loro politiche deliranti, simili alle autoimmolazioni
    Invece i fatti diedero ragione a CNNR perchè quando i cinesi arrivarono nella comunità agricola del suo maestro Chanciub Dorje organizzata sulla pratica del dharma ma anche lavoro equo e solidale di tutti, non arrestarono nessuno, non uccisero nessuno e non trucidarono nessuno. Si fecero un giro e se ne andarono non distruggendo neanche del loro tempio e li lasciarono in santa pace a lavorare, praticare e realizzare, perche' dissero che da loro nessuno sfruttava il lavoro degli altri ed erano in linea con gli ideali comunisti di Mao.

    Vedi questi sono fatti concreti ed è l'applicazione di una real politick intelligente ed efficace che cerca di salvare il salvabile in una condizione drammatica che basta un niente per trasformarla in una tragedia senza fine come poi è successo in Tibt ai folli che pensavano che i cinesi fossero li solo in gita turistica e bastava continuare a ripetergli che il sistema feudale dei monasteri era intoccabile perchè Buddha voleva cosi' e prima o poi ce l'avrebbero fatta.....
    Le tue osservazioni generali sono quindi solo frutto di confusione e di un fanatismo cieco che non propone alcuna soluzione concreta ma solo chiacchere deliranti che non aiutano neanche un tibetano morto. Figuriamoci uno vivo.

    Per il resto delle tue lamentele di mie parole offensive nei tuoi confronti, ti confermo che non sai leggere molto bene i testi di questo topic e che gli insulti esistono solo nella tua mente suscettibile e fragile.

    Insulto è sei io ti dicessi: "Sei una deficente mentecatta pezzo di cretina ecc ecc" Ma nessuno ha usato un linguaggio di questo genere nei tuo confronti e ti è stato usato invece molto rispetto, nonostante la tua incoerenza palese.
    Invece dire che hai una mente sucettibile e fragile è un dato di fatto e - lo ribadisco - non sono certo offese, ma solo constatazioni di fatto che emergono palesi leggendo il tuo stile senza alcun aggancio con la realtà

    A proposito ma sei per caso Damshik che ha cambiato nome? :lol: :lol: :lol: :lol:

    Trashi Delek

    Edited by dorje e gabbana - 17/2/2013, 23:29

    "Questo messaggio è stato scritto da un utente bannato – tra gli altri motivi – per i flames e gli insulti gratuiti ed eccessivi alle tradizioni diverse dalla sua pseudoscuola esoterica che si è creato a tavolino per scopi puramente egoistici, dannosi e antitradizionali. Si tratta di un personaggio assolutamente tracotante, falso, perverso e truffaldino. Il Founder del Forum si dissocia e non si riconosce nello spirito dei suoi messaggi, ma ne mantiene alcuni per puro interesse storico, culturale e consultativo. Chi non è d’accordo sui contenuti ed abbia da ridire è il benvenuto." Il Founder **Destiny**
     
    Top
    .
  13.  
    .
    Avatar

    Advanced Member

    Group
    Member
    Posts
    1,370

    Status
    Offline

    Sebbene a livello storico vi siano prove abbastanza valide riguardanti l'indipendenza e autonomia politica del tibet dalla cina, a livello giuridico ogni arma in tal senso è spuntata, il principio di autodeterminazione dei popoli non può prevalere a livello di prassi contro quello di integrità territoriale a meno che non vi siano particolari condizioni, su cui non mi dilungo, che però sono difficilissime da appurare e certificare a livello legale anche perche, e qui sta il vero gap del diritto internazionale, mancano organi sovranazionali in grado di vincolare davvero stati sovrani - a maggior ragione quando dispongono di una potenza come quella cinese- alle sentenze o direttive adottate.
    Quindi purtroppo, a meno di un radicale cambiamento di coscienza della dirigenza cinese -che manderebbe però in frantumi lo stato cinese cosi come lo conosciamo- a livello pratico la causa tibetana è persa.

    Ma a prescindere dai tecnicismi del diritto internazionale anche io credo, avendo maturato questa considerazione per altre vie, che il tibet sia irrimediabilmente perso per una somma di fattori non dipendenti solo dalla loro miopia politica.

    "Cosi è, se vi pare."
     
    Top
    .
  14.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    roadsel1
    102° IMMOLAZIONE IN TIBET. IDENTIFICATO IL TIBETANO IMMOLATOSI A KATHMANDU IL 13 FEBBRAIO

    Dharamsala, 17 febbraio 2013. Un altro tibetano si è immolato con il fuoco oggi in Tibet. Namlha Tsering, quarantanove anni, si è dato fuoco nel pomeriggio a Sangchu, contea di Labrang, nell’Amdo, in segno di protesta contro il perdurare dell’occupazione cinese. Una drammatica immagine lo mostra seduto sull’asfalto, a gambe incrociate in mezzo al traffico, ormai quasi completamente avvolto dalle fiamme.
    Il personale di sicurezza, arrivato sul luogo della protesta, ha spento le fiamme, prelevato il suo corpo e immediatamente ripulito la strada. Fonti in esilio ritengono improbabile che sia sopravissuto perché il fuoco che lo consumava era molto forte. Namlha Tsering è il centoduesimo tibetano – il terzo nel solo mese di febbraio - che, all’interno del Tibet, ha scelto di darsi la morte come “atto estremo di disobbedienza civile contro il fallito dominio della Cina”, secondo quanto dichiarato i giorni scorsi, a Dharamsala, dal Sikyong Lobsang Sangay, leader politico dei tibetani. Ottantacinque sono i tibetani di cui è stata accertata la morte in seguito all’autoimmolazione.
    Si chiama Drupchen Tsering (Druptse) il monaco tibetano che si è dato fuoco il 13 febbraio a Kathmandu. Aveva 25 anni ed era nato in un villaggio del Tibet orientale. Druptse era fuggito dal Tibet all’inizio di gennaio e dal momento del suo arrivo risiedeva presso il Tibetan Reception Centre della capitale nepalese. Prima di partire aveva promesso ai parenti e agli amici che avrebbe fatto qualcosa di utile per il futuro del popolo tibetano. Il suo corpo è ancora nelle mani delle autorità locali che, secondo quanto riferiscono fonti tibetane, stanno accampando pretestuose scuse per ritardare il processo di restituzione della salma.
    La già vibrante tensione che si respira a Kathmandu è aggravata dalla comparsa, nelle vicinanze del luogo della protesta, di alcuni volantini firmati “I locali e i giovani di Boudha” in cui si afferma che le immolazioni “renderanno ancora più difficile la vita dei tibetani”. “Protestiamo contro questo atto e contro l’uso della nostra sacra terra in nome di un Tibet Libero”, si legge – tra l’altro – in uno dei volantini. “Volete il sangue, noi vi daremo la guerra”.

    Fonti: Phayul – The Tibet Post International
     
    Top
    .
  15.  
    .
    Avatar

    Shri Singha asked Padmasambhava the following question: "Since buddhas and sentient beings are inseparable and the same, it is necessary to respect all sentient beings as being on the same level with the buddhas. Can you?"

    Group
    Member
    Posts
    409
    Location
    lago di garda

    Status
    Offline

    Triste Losar
    febbraio 15, 2013·by crespi enrico

    Non è un bel Losar per I tibetani di Boudha, del Tibet e della diaspora. Proprio all’inizio della festa un ragazzo di 20 anni, Thundup Dobhen, s’è auto immolato sotto il grande stupa bianco e, oggi è morto. La sua foto ci dà il volto di un ragazzo normale, con gli occhiali. E’ il centesimo tibetano che si dà fuoco per protestare contro il Tibet occupato, l’ottantaquattresimo che perde la vita; il primo in Nepal.
    A Boudha sono tutti sorpresi, immobilizzati da questa morte. Le feste famigliari e pubbliche, già ridotte per le immolazione passate, sono diventate ancor più essenziali. Grandi preghiere sotto le bandiere colorate che inviano, costantemente al cielo, i mantra di buon auspicio.
    Nei giorni precedenti avevano festeggiato a Kathmandu, il Sonam Losar i Tamang, con fanfare e danze e gli Sherpa, tutti popoli d’origine e cultura tibetana (il Tamu Losar dei Gurung cade a dicembre). Il capodanno che segue l’anno cinese, segna l’inizio della primavera. Siamo nell’anno del serpente d’acqua considerato di transizione, riflessione e pianificazione.
    Lunedì, 11 febbraio, quest`anno coincide con il primo giorno del primo mese (Choi Drul) del Lho (anno) Sar (nuovo) nel calendario Astronomico. Sara` quindi Lhosar, il Capodanno della Grande Nazione Tibetana (enorme anche nell`estensione geografica). Si entra` nel 2140esimo anno dalla fondazione della prima dinastia e del primo Regno Tibetano riconosciuto; e` Nyatrim – Tsampo l`artefice, primo monarca e guida politica (Tsampo, appunto, Re). Con la Valle dello Yarlung nel suo periodo di massima Potenza e, come sempre accade, di politica espansionistica. Ora la zona di Tsedang , piu` o meno corrispondente all`antico stato, è un area desertica,( come tutto l`Altopiano), e militarizzata, assai poco gradevolmente ospitale.
    Le celebrazioni si protrarranno fino al tredici del nostro febbraio, ma non ci saranno manifestazioni, se non quelle strettamente ufficiali, magari anche con burrascose contestazioni. Il cordone di sicurezza attorno alle sedi diplomatiche Cinesi è già allertato. Troppo duro e drammatico l`ultimo anno, il martirio di un centinaio di persone, immolatisi tra le fiamme; imprecisati arresti di oppositori, difficile tenerne la contabilità. Motivo e` richiamare l`attenzione al problema politico ed etnico Cino-Tibetano ormai sessantennale.
    Era il 10 marzo del 1959 quando l`esercito Cinese, rompendo ogni indugio od accordo, dal decennale presidio di Lhasa invadeva tutta la Regione, dando vita a una delle tante irrisolte tragedie del Novecento con una repressione spietata e crudele. Saranno poi le Guardie Rosse Maoiste, nel loro delirio di cambiamento, ad affiancare e terminare tale squassante operazione di pulizia cultural. Rimuovendo e affogando nel sangue quella che era comunque, non dimentichiamolo, una Teocrazia.
    Amo la Regione Autonoma del Tibet, ho bellissimi ricordi della Lhasa poco piu` di un villaggio quando ci capitai la prima volta alla fine degli anni ottanta. Allora il massiccio del Potala si stagliava sulla collina ed era visibile da lontano. Lungo la strada che dal Ghongar Airport porta fino in città, costeggiando il Bramaputra River. Talvolta si ciacola con qualche mio coetaneo tibetano allora bambino. Le nuove generazioni hanno, purtroppo in parte, rimossola loro storia, altro crimine da imputare all`occupazione.
    Toccanti i racconti di Lapka, una mia cognoscente, sulla sua fuga, allora bambina, dalla Valle di Kirong. Verso il Nepal. Attraverso i passi alti della Catena del Langtang, oppure percorrendo i sentieri tortuosi più a valle. Fino ai distretti di Nuwakot o Rassuwa. Molti sono rimasti a ridosso delle montagne, ricostruendo le loro mandrie di Yak. Altri sono giunti fino alla Valle di Kathmandu, prendendo nuova forza dall`istinto di sopravvivenza e diventando spesso abili imprenditori. Per tutti comunque è dolorosa l`impossibilità di un ritorno nella loro terra, anche temporaneo.
    Sono stati i nepalesi d’origine tibetana ( gli Sherpa,i Tamang, i Mananghi,i Gurung …etc) e non i Tibetani della diaspora a far da cornice festosa a questo che, rimane un triste Lhosar. (Gianni Ara)

    http://livestre.am/q45


    Tibet: 6 monaci arrestati dopo protesta
    Contro decisione Pechino di 'rieducazione politica' monastero
    20 febbraio, 10:31
    (ANSA) - SHANGHAI, 20 FEB - Le autorita' cinesi hanno arrestato sei monaci di un monastero in Tibet dopo alcune proteste a favore dell'indipendenza e del ritorno del Dalai Lama. Lo riferisce il sito di Radio Free Asia. Secondo le informazioni disponibili, le proteste dei monaci del monastero di Drakdeb nella contea di Markham (in cinese, Mangkang) nella Regione Autonoma del Tibet sarebbero scaturite a seguito della decisione del governo di Pechino di effettuare una sorta di ''rieducazione politica'' nel monastero.



    thelatestfiremap4

    Tibet : Two Tibetan teenagers set themselves on fire in Kyangtsa
    Redazione - Mer, 20/02/2013 - 11:44

    Two Tibetan teenagers set themselves on fire in Kyangtsa region of Zoege, eastern Tibet on February 19, protesting China’s continued occupation and repressive policies in Tibet.Rinchen, 17 and Sonam Dhargey, 18 have succumbed to their burns.The two teenagers carried out their protest at around 9:30 pm (local time) yesterday.The families of the two teenagers are in possession of their bodies and are hoping to carry out their final rites without any interference from the Chinese authorities.



    Breaking: Two Tibetan teenagers burn selves to death
    Phayul[Wednesday, February 20, 2013 15:50]

    DHARAMSHALA, February 20: Two Tibetan teenagers set themselves on fire in Kyangtsa region of Zoege, eastern Tibet on February 19, protesting China’s continued occupation and repressive policies in Tibet.
    Rinchen, 17 and Sonam Dhargey, 18 have succumbed to their burns.
    According to the exile base of Kirti Monastery in Dharamshala, the two teenagers carried out their fiery protest at around 9:30 pm (local time) yesterday.
    “It is not currently known what slogans they raised during the protest,” Kirti Monastery in a release said.
    “The families of the two teenagers are in possession of their bodies and are hoping to carry out their final rites without any interference from the Chinese authorities.”
    Rinchen's parents are Dhondup Tsering and late Aadon. Sonam Dhargye's parents are Tsering Dhondup and Takho.
    Confirming the reports, the Dharamshala based Tibetan Centre for Human Rights and Democracy today said both Rinchen and Sonam Dhargye attended the local primary school in Kyangtsa.
    “After finishing his primary school, Rinchen attended another school in Wenchuan for a few years and moved to Qinghai, where he worked,” TCHRD said. “At the time of self-immolation, Rinchen was on his Losar (New Year) holiday visiting his family in Kyangtsa.”
    With the latest self-immolations, as many as 104 known Tibetans living under China’s rule have now set themselves on fire demanding freedom and the return of the Dalai Lama from exile. Eight fiery protests have already taken place inside Tibet since the beginning of the new year, in addition to Tibetan monk Drupchen Tsering's self-immolation protest in Kathmandu, Nepal on February 13.
    The global rights group Human Rights Watch earlier this month said the self-immolations in Tibet are taking place in the context of the Chinese government’s "long-standing repressive policies in the Tibetan areas that have seen severe restrictions on Tibetans’ rights.”
    “To date there has still been no concerted effort from the Chinese government to address the underlying grievances in Tibet, which have contributed to the rising number of self-immolations by Tibetans,” HRW said.
     
    Top
    .
372 replies since 8/10/2011, 10:50
 
.